"No ai fanghi in laguna" PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 29 Ottobre 2004 00:00

"E’ semplicemente assurdo che novecento mila metri cubi di fango sedimentato nei canali portuali vada a costituire una nuova isola di 50 ettari fra le barene del Cornio nel Comune di Campagna Lupia in area ZPS". Queste le parole di commento del responsabile del circolo VAS di Venezia Giannandrea Mencini all’indomani della decisione della Commissione di Salvaguardia di creare una nuova isola di "fango" fra le barene della laguna.

Secondo l’associazione VAS, che interesserà i propri avvocati per valutare se non ci siano incoerenze legislative e violazioni ambientali in tutta la vicenda, si va a contaminare una delle poche aree ancora intatte della Laguna senza scegliere alternative più idonee come lo stoccaggio dei fanghi al Molo Sali del canale nord di Porto Marghera. Per VAS c’è anche una violazione della Legge Speciale per Venezia e pertanto risulta grave che il Governatore del Veneto Galan saluti come "ricostruzione della morfologia lagunare" un nuovo scellerato attacco alla laguna di Venezia.

Il circolo veneziano interesserà dell’intera vicenda il Consiglio Nazionale dell’associazione e i legali della stessa.

 

Uff. stampa VAS

Venezia-Roma

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Dicembre 2007 09:54